Indennizzo diretto assicurazioni scooter, cosa sapere

Pubblicato da alle 12:30 in Assicurazioni Scooter

Con le assicurazioni scooter , sentiamo parlare di indennizzo diretto.

Per indennizzo diretto si intende una procedura introdotta nel 2007 con la quale nell’ipotesi di sinistro tra due veicoli, i danneggiati devono rivolgere la richiesta di risarcimento all’impresa di assicurazione che ha stipulato il contratto relativo al veicolo utilizzato.

La indennizzo diretto è, in altri termini, una procedura snellente rispetto all’iter prima in vigore, poiché in questo caso il soggetto danneggiato può richiedere il risarcimento dei danni alla propria compagnia di assicurazione.

assicurazione scooter

Per accedere a questa procedura riducendo così i tempi di ottenimento del risarcimento dei danni, sono necessari alcuni elementi.

Quali sono gli elementi necessarri per l’ indennizzo diretto ?

E’ necessario che:

  • le parti coinvolte nell’incidente siano state definitivamente identificate mediante compilazione del modulo di constatazione amichevole d’incidente (il c.d. modulo C.A.I.).
  • l’incidente abbia coinvolto solo due veicoli a motore, immatricolati in Italia, a San Marino o nella Città del Vaticano.
  • i veicoli coinvolti siano regolarmente assicurati con una compagnia operante in Italia.

Per la procedura di indennizzo diretto per i ciclomotori, è sufficiente che il veicolo abbia targa italiana.

Per quanto riguarda i tempi di attesa, questi saranno:

  • entro 30 giorni dalla consegna della denuncia e del modulo firmato, la compagnia deve comunicare un’offerta di risarcimento.
  • entro 60 giorni se il modulo non è firmato da entrambi i soggetti coinvolti, ma solo dal danneggiato,
  • entro 90 giorni in caso di lesioni al conducente.

Ci sono alcuni casi in cui l’indennizzo diretto non risulta valido, ed alcuni di questi sono:

  • il sinistro è avvenuto all’estero;
  • il sinistro coinvolge più di 2 veicoli;
  • ci sono danni gravi al conducente: in questo caso l’iter di indennizzo diretto può tuttavia applicarsi al rimborso dei danni al veicolo e alle cose trasportate);
    il sinistro è avvenuto tra un veicolo a motore ed uno non a motore (es. bicicletta);
  • il sinistro in realtà non ha provocato collisione tra i due veicoli coinvolti;
  • i danni a cose situati all’esterno del veicolo;
  • i danni a cose trasportate non di proprietà dell’assicurato o del conducente;
  • le lesioni a pedoni e ad altre persone non trasportate;
  • il sinistro è avvenuto con veicolo non identificato e/o non assicurato;
  • il sinistro coinvolge veicoli stranieri.

Per ogni altra informazione rispetto all’iter di indennizzo diretto assicurazioni scooter è utile rivolgersi alla propria compagnia assicuratrice.

No Commenti

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento